Laboratorio Caritas

Laboratorio per la Promozione Caritas 

Il Laboratorio Promozione Caritas è un gruppo di lavoro composto da persone con competenze diverse, promosso e coordinato dalla Caritas diocesana, che opera attraverso un progetto di promozione e accompagnamento della testimonianza comunitaria della carità nelle parrocchie.

Il Laboratorio Promozione Caritas realizza la finalità di animare e sostenere la maturazione di stili di testimonianza comunitaria della carità nelle parrocchie attraverso l’avvio, la crescita, la formazione, la progettazione, la verifica e l’accompagnamento delle Caritas parrocchiali. Attraverso queste azioni il Laboratorio può promuovere, anche nelle parrocchie più piccole e/o periferiche, esperienze sostenibili di pastorale della carità.

Essendo, l’attività di animazione, funzione propria di tutta la Caritas diocesana, il Laboratorio è chiamato ad assumere ed integrare tutte le azioni (verso i destinatari Poveri, Chiesa e Mondo) e le attenzioni specifiche (di promozione umana, caritas e mondialità) di livello diocesano nelle parrocchie svolgendo una funzione come di imbuto.

Per questo, è un gruppo di lavoro saldamente inserito nella progettualità della Caritas diocesana, presieduto dal direttore della Caritas diocesana e coordinato da una persona incaricata e formata ad hoc.

Preferibilmente, è composto da: un rappresentante del Centro di Ascolto diocesano, uno dell’Osservatorio delle Povertà e delle Risorse e una delle persone che cura l’ambito della educazione alla mondialità, più referenti delle Caritas parrocchiali e/o zonali, eventualmente parroci, operatori e animatori di carità, catechisti e animatori di liturgia, … La composizione e il numero variano in relazione all’articolazione territoriale e alla dimensione della diocesi, e spesso, articolato proprio tenendo conto di queste caratteristiche, può assumere forme diverse (Laboratori vicariali, Laboratori a cascata,ecc.).

Funzioni e compiti

Il Laboratorio si preoccupa di:

stimolare nelle parrocchie la consapevolezza che la testimonianza comunitaria della carità è elemento costitutivo dell’essere chiesa formare animatori pastorali in grado di animare le proprie comunità (abili nella pratica del metodo pastorale Caritas come stile di servizio specifico e come apporto originale alla pastorale delle parrocchie) sostenere animatori pastorali e parrocchie – offrendo formazione, coordinamento, occasioni e progetti ad hoc – nel cammino permanente del coinvolgimento e della responsabilizzazione della comunità.

Nello specifico, i compiti del Laboratorio possono essere sintetizzati in questa sequenza:

  • la conoscenza del contesto ecclesiale in cui si lavora l’elaborazione di un progetto di promozione e accompagnamento delle parrocchie per l’avvio, la crescita, la formazione, e l’accompagnamento delle Caritas parrocchiali l’abilitazione degli animatori alla pratica del metodo pastorale Caritas come stile di lavoro proprio e come apporto specifico alla pastorale della parrocchia attraverso l’elaborazione di proposte formative ed il favorire occasioni di incontro e confronto tra le esperienze delle diverse Caritas parrocchiali;
  • l’accompagnamento personalizzato delle singole parrocchie (o dei vicariati – zone – ecc…) in processi di animazione della comunità (a partire da proposte, occasioni, percorsi promossi dalla Caritas diocesana e/o sostenendo ed incoraggiando forme autonome di progettualità);
  • Il rapporto con il Centro di ascolto e con l’Osservatorio

Il Laboratorio conosce il lavoro svolto dal Centro di Ascolto diocesano: è costantemente aggiornato sul flusso delle persone che vi si rivolgono e sul rapporto che queste hanno o sono invitate ad avere con le Caritas parrocchiali dei territori nei quali risiedono. Sa, pertanto, quali parrocchie sono più fragili nell’accoglienza delle persone in difficoltà e trasforma queste informazioni in priorità da verificare, proposte formative da offrire, progettualità da proporre alle singole parrocchie.

Inoltre, dopo che i dati del Centro di ascolto sono stati elaborati dall’Osservatorio delle Povertà, il Laboratorio dispone di uno strumento (dossier, opuscolo o altri materiali) con cui può ritornare alle parrocchie offrendo spunti di riflessione e stimolando progettualità.